Il Salento

Geograficamente il Salento coincide con la base del tacco dello stivale italiano, una penisola che dall’Altopiano delle Murge passa attraverso le Serre Salentine per finire a Capo Leuca, estremo lembo di territorio dove si incontrano simbolicamente i due mari che circondano la regione pugliese, il Mare Adriatico ed il Mar Ionio. Amministrativamente il Salento è compreso nelle provincie di Lecce ed in parte da quelle di Brindisi e di Taranto.

03-07-2005-144449dsc_4647Questa terra che oggi è diventata una meta turistica di grande richiamo nazionale ed internazionale, è stata abitata dall’uomo sin da epoche remote, e per gli appassionati di archeologia e storia il territorio offre una serie enorme di testimonianze del passato, centinaia di siti archeologici, di ruderi di antichi città e costruzioni dell’epoca della dominazione romana e greca o risalenti ai precedenti insediamenti dell’antica civiltà dei Messapi, così come dei popoli più antichi ancora, quando l’uomo non costruiva ancora la propria dimora ed abitava in grotte ed anfratti tra le rocce carsiche, nell’entroterra e lungo la linea costiera.

Proprio le coste, su cui oggi approdano migliaia di turisti ogni anno attirati dalle belle spiagge di sabbia bianca e dorata, oppure dalle alte scogliere che si gettano nel mare limpido e turchese, sono state per millenni il punto di attracco di tante popolazioni che dalla Grecia all’Africa, dall’Asia Minore ai Balcani si spostavano in questo territorio, attirati dalla possibilità di sviluppare su questa terra aspra ma generosa, le coltivazioni che allora come oggi sono uno dei fiori all’occhiello del bacino mediterraneo, l’ulivo e l’olio.

Il Salento è una terra ricca di sorprese e di attrattive per chi la visita, un florilegio di splendide città d’arte, a partire dal15-08-2005-101728_0002 capoluogo, Lecce, il cui centro storico è un affascinante compendio della mirabile architettura barocca, alla Otranto medievale, dominata dai bastioni dell’imponente Castello e dalla magica Cattedrale, tra i quali si sviluppa il suggestivo labirinto di vicoli e stradine strette, caratteristica comune questa a molti dei paesi di origine medievale che si trovano in Salento, da Nardò a Castro a Gallipoli.

Da non perdere le sagre, le feste della tradizione popolare, le processioni ed i riti legati al fervido mondo religioso della popolazione salentina, che ancora oggi si può ammirare nella sontuosità delle chiese barocche, nell’austero patrimonio dell’architettura gotica e romanica, nelle cripte dell’era paleocristiana, e, andando indietro nel tempo, in dolmen e menhir, luoghi sacri degli antichi rituali pagani.